Biglietti Musei Barcellona

I migliori musei d’arte di Barcellona

Acquistare il passaporto

Fondazione Joan Miró

Orari

Martedì, mercoledì e venerdì feriali, da aprile a ottobre, dalle 10.00 alle 20.00
Martedì, mercoledì e venerdì feriali, da novembre a marzo, dalle 10.00 alle 18.00
Giovedì, dalle 10.00 alle 21.00
Sabato, dalle 10.00 alle 20.00
Domenica e festivi, dalle 10.00 alle 15.00
Lunedì non festivi chiuso
Ingresso alla fondazione consentito fino a 30 minuti prima della chiusura

Biblioteca

Da martedì a venerdì, dalle 10.00 alle 14.00 e dalle 15.00 alle 18.00

Lunedì e sabato, dalle 10.00 alle 14.00

Dove

Parc de Montjuïc, s/n - 08038 Barcellona

Tel. (+34) 93 443 94 70
Fax (+34) 93 329 86 09 / 93 329 90 07

Acquistare il passaporto

La Fundació Joan Miró è stata istituita per promuovere la conoscenza dell’opera e della personalità di Joan Miró e per presentare esposizioni di artisti del xx e xxi secolo: uno spazio aperto allo scambio di idee e discipline che, con lo sguardo sempre rivolto al futuro, unisce il prestigio internazionale alle sue profonde radici catalane.

La fondazione ha sede in un edificio straordinario progettato dall’architetto Josep Lluís Sert. È situato nel parco del Montjuïc, da dove si godono magnifiche viste su Barcellona, e ospita la maggiore collezione pubblica internazionale di dipinti di Joan Miró.

Programma

Con i suoi quaranta anni di vita, la Fundació Joan Miró è un punto di riferimento essenziale per lo studio dell’opera di Miró. Consolidatasi come una delle maggiori istituzioni artistiche a livello internazionale, la fondazione organizza anche mostre temporanee sui diversi aspetti dell’arte moderna e contemporanea. Negli ultimi anni ha presentato esposizioni dedicate, fra gli altri, a Chillida, Giacometti, Warhol, Calder, Magritte e Rothko. Le opere più sperimentali di giovani artisti hanno il loro posto d’elezione all’Espai 13, centro pionieristico del suo genere a Barcellona.

LINA BO BARDI DRAWING

This exhibition is about the profound sense of connection that architect Lina Bo Bardi (1914-1992) had with drawing. More than the design tool of a designer, to her, drawing was a primary expressive means driven by a strong sense of curiosity and doubt.

She never claimed drawing to be an independent artistic language, but she embraced it with artistic purpose. Drawing to her was both a noun and a verb, outcome and process, object and relationship.

LINA BO BARDI DRAWING

Share

Utilizziamo i cookie nostri e di terze parti per migliorare i nostri servizi, offrirvi un accesso più rapido ai servizi e personalizzarli tramite l’analisi delle tue abitudini di navigazione. Se prosegui con la navigazione, consideriamo accettato il loro uso. Per saperne di più sulla nostra informativa sull’uso dei cookie.